Liberati dall’infelicità

Non ti piace quello che fai? Può trattarsi del tuo lavoro, oppure di qualcosa che hai accettato di fare e di cui ti stai occupando, ma a cui una parte di te oppone resistenza. Provi un muto risentimento per una persona a te vicina? Ti rendi conto che l’energia che trasmetti ha effetti talmente dannosi che non solo stai contaminando te stesso ma anche chi ti sta attorno?
Guarda bene dentro di te. C’è anche la più lieve traccia di rancore, di riluttanza? Se è così, osservala sia a livello mentale che emotivo. Quali pensieri sta generando la mente riguardo a questa situazione? Poi considera l’emozione, che è la reazione del corpo a quei pensieri. Sentila. È piacevole o spiacevole? È un tipo di energia che sceglieresti di avere dentro di te? Hai davvero la possibilità di scegliere?

Forse è vero che qualcuno si stia approfittando di te, l’attività che svolgi è noiosa, una persona a te vicina è disonesta, irritante o inconsapevole, ma tutto questo è irrilevante. Che i pensieri e le emozioni che provi circa la situazione siano giustificati o meno non fa differenza. Il fatto è che stai opponendo resistenza al presente, a ciò che è. Stai facendo del presente un nemico. Stai creando infelicità, conflitto tra la dimensione interiore e quella esteriore.
La tua infelicità sta avvelenando non solo il tuo essere interiore e quello di chi ti sta accanto, ma anche la psiche umana collettiva di cui sei parte inscindibile. L’inquinamento ambientale è solo un riflesso esteriore di quello psichico che avviene al tuo interno: quello di milioni di individui inconsapevoli che non si assumono la responsabilità del loro spazio interiore.

Allora devi smettere di fare quello che stai facendo, parlare alla persona interessata ed esprimere pienamente ciò che provi, oppure eliminare la negatività che la tua mente ha creato riguardo alla situazione e che non ha nessuno scopo se non quello di rafforzare il tuo falso senso d’identità. Riconoscerne l’inutilità è importante. La negatività non è mai il modo migliore per affrontare le situazioni.
Infatti, la maggior parte delle volte essa ti tiene bloccato, ostacolando un reale cambiamento. Tutto ciò che viene fatto con energia negativa ne verrà contaminato e nel tempo farà sorgere ulteriore dolore e sofferenza. Inoltre, qualsiasi stato interiore di negatività è contagioso. L’infelicità si diffonde più facilmente di una malattia fisica. Attraverso la legge della risonanza, essa innesca e alimenta la negatività latente negli altri, a meno che ne siano immuni, il che significa altamente consapevoli.

Stai avvelenando il mondo o lo stai ripulendo? Sei responsabile del tuo spazio interiore; nessun altro può esserlo al posto tuo, così come sei responsabile del Pianeta. Come all’interno, così all’esterno: se gli esseri umani si purificheranno dall’inquinamento interiore, allora smetteranno anche di inquinare all’esterno.

Eckhart Tolle {Il Potere Di Adesso}

Annunci